L’ITALIA DELLE REGIONI

TR_PRIM2Nel quartiere Aurora è sempre Primavera: all’angolo decisamente anonimo tra via Perugia e via Modena una trattoria anni ’70 con tutti i sapori della cucina tradizionale sarda (e nazionale).
Il menù è particolarmente ampio (una decina di piatti per ogni antipasto, primo secondo, contorno e dolce) a prezzi bassi: alcuni primi addirittura sotto i 4 euro (spaghetti al ragù a 3,70€) e con un pasto completo difficilmente si spende più di 15 euro.

TR_PRIM4Cosa mangiare? Vale la pena di assaggiare le specialità sarde come i formaggi (pecorino fresco o stagionato) o i salumi (prosciutto crudo sardo, coppa, salame d’asino), serviti come antipasti, per poi passare ai primi come i culurgiones (ripieni di patate, menta e pecorino) oppure ravioli ripieni di ricotta (molta) e spinaci (pochi) al sugo di pomodoro o ancora i malloreddus (gnocchetti) alla Campidanese (con salsiccia): tutti tra i 5 e 6 euro.
Tra i secondi un po’ di pesce (orata alla piastra, salmone alla piastra o bollito con salse): sugli 8 euro oppure tanta carne: spiedini, coniglio alla sarda (con vino bianco e capperi), pollo (al peperone), carne (cruda) di cavallo con grana: anche qui sui 7/8 euro.
TR_PRIM5Ci si può scostare dall’isola e tornare sulla terraferma per assaggiare piatti continentali e ‘robusti’ (da osteria): tortellini o pastina in brodo, cotechino con crauti, frittata di cipolla (molto popolare tra gli avventori abituali) e polpette al sugo.
Dolci discreti (non di loro produzione) a parte la sebada, che consiglio per concludere degnamente il pasto con l’accostamento sempre azzeccato del cacio con il miele.
TR_PRIM6Ho mangiato: tortellini in brodo, ravioli sardi (ripieni di ricotta e spinaci) con sugo di pomodoro, coniglio alla sarda, pollo ai peperoni, sebada.

Trattoria Primavera
Via Perugia, 19.
011 57 09 557
Chiuso alla domenica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *