STREET & FAST FOOD

Ci sono eventi che riescono a rendere bello anche un lunedì. Per di più grigio.

Ha aperto infatti proprio una settimana fa, in una Torino ancora freddolosa di metà maggio,  Trapizzino – La Vineria, a poco più di un mese dall’apertura di Torino all’interno di Mercato Centrale a Porta Palazzo, ad oggi una delle mie tappe gastronomiche preferite al Mercato Centrale.

Il trapizzino ha conquistato me e tanti torinesi perché è tante cose in un mezzo trapezio: crosta croccante a fronte di una mollica perfettamente alveolata, profumata e morbidissima che riempita di (tanto) condimento lo assorbe e diventa goduria pura.
La Vineria, che vede solo un altro locale con stessa tipologia a Roma a Trastevere, è nel cuore della città sabauda: piazza Carlo Emanuele II, meglio conosciuta come piazza Carlina, sede nel 1700 del mercato del vino, al piano terra di uno splendido palazzo nobiliare: soffitti alti 7 metri con stucchi, affreschi sulla volta e grandi vetrate con affaccio sulla piazza.

Aperto tutti i giorni e tutto il giorno, offrendo un servizio continuativo dalle ore 11.00 della mattina fino all’una di notte, prevederà ogni giorno 5 gusti classici e 3 gusti del giorno a rotazione tra le 30 ricette che compongono la proposta del Trapizzino: dal pollo alla cacciatora (il preferito di mia moglie) alla coda alla vaccinara, senza dimenticare la Parmigiana di melanzane (il preferito di Monsu Barachin rifinito con olio al basilico e scaglie di parmigiano) e il doppia panna (stracciatella) e alici.
Oltre al trapizzino, anche l’altro celeberrimo sfizio romano della cucina di strada del passato: il supplì; dal classico supplì al telefono al famoso supplì al tortellino, e poi supplì all’amatriciana, supplì porri e taleggio, supplì cacio e pepe, supplì al sugo di melanzane e altre farciture variabili a seconda anche della stagione.

Se è vero poi che Torino è la (una delle) città del gusto, allora sono previste incursioni di chef e produttori che proporranno Trapizzini con farciture espresse come Il Trapizzino Torino-Roma di Stefano Callegari con salsiccia di Bra, tuorlo, pepe e Castelmagno e il Trapizzino con le ostriche nell’interpretazione di Corrado Tenace e il Dolce Trapizzino Triplo Cioccolato: come una Sacher con il ripieno del cuneese, pan di spagna al cioccolato, ganache al rhum, ricoperta di cioccolato fondente croccante; servito anche al piatto con gelato.
A lato vino, una carta dei vini con oltre 120 etichette scelte da Paul Pansera con proposte italiane (attenzione particolare al Piemonte e alle realtà viti-vinicole del suo territorio) ma anche Champagne, cocktail miscelati, Gin tonic, Martini e un omaggio al Vermouth, istituzione torinese, con il Vermouth del Professore Riserva Speciale Trapizzino.

Prezzi adeguati (4 € il trapizzino e 2 € il supplì) e, considerando che con due trapizzini e un supplì fate un abbondante pranzo, saranno i vostri prossimi dieci euro meglio spesi.TRAPIZZINO l’angolo di pizza. La Vineria
Piazza Carlo Emanuele II, 17
011 1875 5933
www.trapizzino.it
Pagina Facebook
Sempre aperto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *