DE-LUXE

PIANO35_1A Sud delle Nuvole.
Il titolo di un bellissimo romanzo di Wally Lamb letto tanti anni fa e la situazione contingente del mio pranzo sospeso al 35° piano del Grattacielo Intesa San Paolo proprio sotto le nuvole.
Una sensazione come ovattata che mi ha permesso di assaporare ancora meglio i piatti e non farmi distrarre troppo dal panorama, che avrebbe potuto essere troppo esaltante.

PIANO35_2Un’accoglienza e un servizio impeccabili che prevedrebbe in condizioni meteorologiche normali (e non di pioggia torrenziale come durante la mia visita) anche un giro alla serra bio-climatica che circonda completamente il ristorante; servizio attento, preciso e cortese ma non affettato ed esagerato che rende quindi la permanenza piacevole anche per un non VIP e comune mortale come Monsu Barachin.PIANO35_4
A pranzo è disponibile il menù alla carta della cena, ma io sono qui per il light lunch, ovvero la scelta tra due (40€) o tre portate (50) e dessert; più un piatto fuori menù: controfiletto di Giovenca con 75 giorni di frollatura per due persone, servito con patate, funghetti marinati, verdure saltate, salsa di vino rosso e salsa bbq a 80 euro.PIANO35_3
La scelta è tra sette piatti tendenzialmente semplici e non troppo articolati e complessi, ma con materie prime super selezionate e sapori in interessante abbinamento; io ho scelto un po’ di Sud e un po’ di Nord Italia, preceduti da un emulsione di mozzarella di buffala con gambero marinata, cialda di parmigiano e gocce di crema di piselli come amuse bouche gentilmente offerto.

Il primo piatto era una Battuta di broccoli siciliani, uvetta e pinoli – sotto forma di tortino -, mozzarella di bufala e salsa di pistacchi e Tagliolini al burro affumicato, sesamo tostato e parmigiano 60 mesi; ottimi entrambi, il primo era effettivamente un po’ (troppo) semplice e forse anche poco contrastato, decisamente più convincente il tagliolino perfetto nella consistenza e con il burro affumicato e il parmigiano 60 mesi che lo completavano.PIANO35_6
I dolci, serviti su un carrello piacevolmente vintage, erano molto classici: oltre a tiramisù in monoporzione, babà con la loro bagna, frutta in sciroppo aromatico, la Torta al cioccolato Opera, multistrato di pasta biscuit con anche aroma da foglie di tabacco all’interno, servita con leggera panna montata: buona ma non indimenticabile.PIANO35_5
L’elemento più piacevole
è stato però l’accompagnamento di pane di semola di grano duro, focaccia integrale e grissini rubatà con farina di mais di loro produzione con olio extra-vergine d’oliva pugliese e burro della Normandia morbido; ottima anche la piccola pasticceria in accompagnamento al caffè.

Apprezzabile e onesto che nei 40 (o 50) euro c’è tutto.
Acqua, coperto, pane (e che pane!) e caffè.
Alla sera sembra che sia quasi sempre pieno, a pranzo molto più tranquillo: un’occasione per rilassarsi e rigenerarsi tra il blu o le nuvole.PIANO35_7
Piano 35

c/o Grattacielo Intesa Sanpaolo,
Corso Inghilterra, 3
011 438 7800
http://www.grattacielointesasanpaolo.com/ristorante/
Pagina FaceBook
MART – SAB: pranzo e cena  LUN: solo cena
Chiuso la domenica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *