MANI IN PASTA

PECCATI_SICILIANI1Amo la Sicilia di un amore incondizionato e spasmodico (tanto da interrogarmi spesso su sconosciuti e remoti legami di parentela ancestrali con quest’isola meravigliosa) ma ancora di più il suo cibo e se Monsu Barachin non va in Sicilia, per fortuna la Sicilia viene a Torino.
Spesso la pausa pranzo sabauda di Monsu Barachin ha assunto toni siciliani e, quindi, quando mi suggeriscono la neoapertura (in verità sono quasi sei mesi) di una gastronomia siciliana in zona San Paolo, allora mi ci fiondo.

PECCATI_SICILIANI3Il profumo promette bene: qui si cucina a ciclo continuo e sembra come di andare a mangiare da una zia siciliana (che sogno da sempre di avere).
Io proprio, come da una zia, ho assaggiato un po’ di tutto: dai rigatoni alla norma (con pomodoro, melanzane e mozzarella), alla parmigiana di melanzane, allo sformato di riso alla norma o quello di anellini alla palermitana; un trionfo di verdure nel tabulè (cuscus con verdure agrodolci), nella caponata e nelle patate vastase (con pomodoro e formaggio).
Nel bancone anche la tipicissima pasta con le sarde e spesso le trapanesi (come i titolari) busiate, sorta di strascinati ritorti, che rappresentano per me l’emblema culinario della zona della Sicilia che più amo.
PECCATI_SICILIANI4Ottimi arancini con vari pieni (classico con ragù e piselli, prosciutto e formaggio, melanzane, pistacchio salato, spinaci), polpettine (fritte) di melanzane, pane cunzato, cannoli farciti al momento, cassate di varie dimensioni, ma a piace concludere il pranzo con due chicche della pasticceria più rustica siciliana tra Trapani e Erice e che mi ricordano la Signora e Regina della Pasticceria Siciliana, Maria Grammatico: le genovesi e i buccellatini.
PECCATI_SICILIANILe genovesi, per chi non lo sapesse, sono dischi di frolla accoppiati e ripieni di ricotta o crema, mentre il bucellatino è una sorta di pasticcino secco con un ripieno aromatico di fichi e arancio con glassa e le iconiche palline di zucchero colorato.
PECCATI_SICILIANI5Prezzi medi (un po’ più alti rispetto che a consumarli nella loro terra d’origine), due sgabelli per il consumo in loco ma l’ideale è il take away per consumarli in giro, perché no al Parco Ruffini che da qui è proprio vicino.

Peccati di Sicilia
Via, Pollenzo, 10/G
011 207 7469
http://www.peccatisiciliani.it/
Pagine FaceBook
MART – SAB: pranzo e cena DOM: solo pranzo
Chiuso il lunedì

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *