BUONO COME IL PANE

Largo ai giovani, che si fanno portatori di tradizioni arcaiche, lavorazioni con metodi antichi.

Tra Parella e Campidoglio due fratelli torinesi appassionati di impasti e utilizzando esclusivamente farine biologiche macinate a pietra e sale marino integrale di Guérande hanno aperto circa un anno e mezzo fa un piccolo forno che nei colori, nell’utilizzo delle ceste e le tele cru, ricorda una piccola boulangerie di Provenza.

Le mani ce le mettono davvero in pasta non utilizzando impastatori o planetarie meccaniche, mentre la lievitazione avviene proprio come un tempo nel banneton, cestino ricoperto da tela di lino: “una tradizione della panificazione francese rimasta in voga fino ai primi del ‘900 e oggi riscoperta e arricchita nel cuore dell’Europa ed esportata in tutto il mondo”.
Tutti i giorni sono disponibili tre pani: il pane di campagna, il pane semi integrale e il pane integrale (4,90€/kg); a cui si aggiungono vari pani speciali secondo un calendario settimanale: che spazia da quello con fiocchi di segale e noci a quello mele e cranberries, da quello con farro monococco a quello con semi misti o fichi, noci uvetta e noci (6,20€/kg).
Qualche focaccia (semplice o farcita) e il progetto di buttarsi presto anche nel settore dolci e biscotti.

Il loro pane da lievito madre ha un grado di acidità abbastanza persistente, ma ha il vantaggio, come tutti i pani da paste madre, da conservarsi a lungo; stuzzicante con la crosta croccante dovuta anche alla cottura su pietra.

Fatelo anche voi un giro in Parella: pochi metri dalla fermata Bernini della Metro.

Le Banneton
Via Medici, 29
011 741 2923
www.lebanneton.it
Pagina Facebook
MART – SAB (mattino)
Chiuso domenica, lunedì e sabato pomeriggio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *