DE-LUXE

CASA_AMELIE_1La pausa pranzo de-luxe del mese di maggio tocca il Quadrilatero Romano.
Negli anni ’90 e 2000 il fulcro della movida torinese, oggi con una nouvelle vague di nuove e interessanti aperture, soprattutto a livello gastronomico, visya anche la vicinanza con il vivace e ricco mercato di Porta Palazzo.

CASA_AMELIE_2Il ristorante è Casa Amelie: il nome è un tributo alla sua bulldog francese che è un po’ anche la mascotte del locale; ristorante che non ha nulla del Meraviglioso Mondo parigino, più legati agli interni ombrosi e retrò dell’Hotel du Nord, offrendo anzi un ambiente molto luminoso e caldo a metà tra naturalità materica ed essenzialità nordica.
Pochi tavoli e un servizio, tanto a pranzo quanto a cena, attento e competente in termini di cibo, vino e possibili abbinamenti.

Un menù alla carta fantasioso e creativo che denota il passato del giovane Guido Perino nelle cucine stellate e di livello in citta, possibile anche a pranzo con due interessanti menù degustazione a 35 e 50 euro, e una colazione di lavoro, sempre a pranzo, a 15 euro con un piatto a scelta tra 2 o 3 proposti, tra tradizione piemontese e sapori mediterraneo, acqua, coperto e caffè.CASA_AMELIE_3
Il giorno della mia visita non era giovedì ma uno dei piatti erano degli ottimi gnocchi di patate con un ragù bianco di pesce, asparagi di mare, scorza d’arancia e fiori eduli, diversamente un’insalata con tonno sott’olio fatto in casa e agnolotti di brasato alla piemontese. Come ogni ristorante di livello non mancava un amuse bouche (giardiniera tardo invernale casalinga) e sfoglie di polenta da sgranocchiare nell’attesa.

In accompagnamento un pane da lievito di madre di sua produzione, in due tipologie con farina di tipo 1 e nero, servito con del burro demi-sel della Normandia e olio laziale (Viterbo).CASA_AMELIE_4
Il mio dolce guardava verso l’estate e verso il sud-est asiatico: una freschissima mousse al mango su biscuit di frolla al sale ed emulsione di coriandolo, ma anche gli altri presentavano ardite e interessanti contaminazioni.

Bravo Guido, riporta l’alta cucina nel nucleo medioevale e storico di Torino: nelle prossime serate estive ci immaginiamo il Quadrilatero di nuovo pieno di gente.

CASA_AMELIE_5Casa Amélie
Via Carlo Ignazio Giulio, 4/b
011 521 1579
www.ristorantecasaamelie.com
https://www.facebook.com/RistoranteCasaAmelie/
MART – SAB: pranzo  LUN – SAB: pranzo e cena
Chiuso la domenica e il lunedì a pranzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *