CUCINA REGIONALE

Una delle aperture più convincenti, tra quelle provate da Monsu Barachin, degli ultimi tempi.
In tanti ci provano (e ci hanno provato): vista la distanza (breve) dall’amata Liguria e l’appetibilità della sua cucina, tra incredibili focaccia, pesto e pesce fresco, sembra facile aprire un ristorante di cucina ligure.

Quella del Bel Andi mi ha davvero convinto; gli gnocchi prima di tutto: morbidi e con il gusto autentico di patate, esattamente come dovrebbero essere quelli fatti in casa, e poi baccalà ottimo sia nel sugo dei gnocchi, sia in pastella (aromatizzata al pesto e alle olive) sugli spiedini accompagnata all’aiolì (ma con un aglio non troppo invadente) e salsa alle melanzane.

Eccezionale anche il coniglio su crema di patate: ben cotto e una salsa di cottura aromatica e saporita che ben si sposava con il purè di patate, particolarmente cremoso.

Interessante anche il fatto che a pranzo i piatti (del giorno) sono tutti a 8 euro, oltre alle insalate a 7 e focaccia fatta in casa (non una focaccia qualunque) farcita con prosciutto cotto e formaggio spalmabile a 5.
E caso mai non mi fossi ancora convinto che da Bel Andi fanno le cose per bene, il dolce (piccola porzione offerta) me l’ha confermato: cheesecake dove la base è fatta con la stroscia ligure (a base di olio evo per chi non la conoscenza) e aromatizzata con un po’ di scorza di chinotto.

La prossima volta pensateci prima di prendere l’A6 per mangiare ligure.
Bel Andi
Via Belfiore, 16 bis
011 18 85 08 30
Pagina FaceBook
MART – SAB: pranzo e cena
DOM: solo pranzo
Lunedì chiuso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *