ENOTECA CON CUCINA

Proprio come uno spaccio alimentare di paese, da Banco Vini e Alimenti, prosecuzione del più formale Ristorante Consorzio, tre cose non mancano mai: vini – una cantina ampia e diversificata con alcune etichette particolarmente esclusive e particolari –, materie prime da ‘banco’, come salumi e formaggi, di cui offre le eccellenze e specialità italiane ed estere, e il pollo allo spiedo, che infatti non manca mai (come ½ porzione) nel menù del pranzo.

La cucina presenta qualche piatto della cucina piemontese rivisitata (acciughe al verde, crostino con acciuga cantabrica e burro d’alpeggio, Battuta di Fassone al coltello con midollo e enoki), ma gli altri piatti sono per lo più contaminazioni, anche ardite, di gusti e materie prime anche molto distanti.

Il menù, aggiornato periodicamente, si divide in Ciapas, a metà tra cicchetti e tapas ma che per la loro ricchezza e finezza culinaria ricordano più i pinchos baschi, panini (disponibili fino alle 19:30), antipasti, primi e secondi e dolci con una scelta di 4 o 5 scelte per ogni tipologia.
Il consiglio è di iniziare proprio dalle Ciapas: io ho amato i crostini con patè di fegato d’oca, ma gli ’acciughe addict’ non possono perdersi il crostino con burro d’alpeggio e acciuga; rimanendo in ambito (mar) ligure interessante anche la farinata fritta, che ricorda molto la panissa fritta ligure, o le classiche, ma sempre buone, alici fritte, croccanti e non unte.

Il resto, come anticipato, è un viaggio su e giù per l’Italia tra mari e monti con anche qualche sconfinamento oltre i confini nazionali: dal marittimo spaghettone Curcio con vongole e pan grattato ai ravioli di agnello con schiuma di latte di capra infuso nel fieno che odoravano davvero di montagna, alla tavolozza di verdure autunnali, direttamente dal mercato di porta Palazzo, in porzione un po’ misera ma gustose e suggestivamente cromatiche.
Un plauso ai dolci, dove oltre a una buona ma non indimenticabile – e secondo me soprattutto un po’ troppo morbida – pannacotta con composta d’arancia e Marsala, ho assaggiato un più complesso e soddisfacente dolce a tema cioccolato con biscuit e una ganache al fondente accompagnati da un sorbetto all’albicocca: un bel piatto e un perfetto gioco di consistenze e sapori ben contrastati tra loro.

Se il lavoro del post-pranzo ve lo permette, accompagnate il vostro pasto con un calice: fatevi consigliare e rimarrete soddisfatti.
Banco Vini e Alimenti
Via Mercanti, 13F
011 764 0239
www.bancoviniealimenti.it
Pagina Facebook
MART – SAB: pranzo e cena
Chiuso domenica e lunedì a pranzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *