Archivio mensile: aprile 2016

IL BISTROT DELLA BOTTEGA DEL GUSTO

BISTROT_BOT_GUSTO_1Ogni tanto Monsu Barachin ritorna alle sue origini (piemontesi) e ad alcune delle sue più forti passioni gastronomiche: vitello tonnato, insalata russa e, soprattutto, gnocchi. (altro…)

NIVA’

NIVA1bisE’ arrivata la primavera, quella perfetta “mezza stagione” tanto rimpianta, con la brezza leggera, i prati verdissimi, i dehors apparecchiati e un’irresistibile voglia di gelato.
Nessun notizia poteva quindi arrivare più gradita a Monsu Barachin come quella della (ri)apertura di ben tre gelaterie in città (due nel super-centro e una in zona Crocetta) sotto l’insegna: NIVA’. (altro…)

PAIOLO MAGICO

PAIOLO_MAGICO1_just_openedMonsu Barachin continua a bazzicare in Vanchiglia.
Ma non quella della movida che si anima dall’ora dell’aperitivo; ma quella più popolare e meno bo-bo verso Vanchiglietta e corso Regina, praticamente davanti alla Vetreria raccontato qualche giorno fa.
Lì dove c’era un ristorante cinese, con una reputazione culinaria a detta dei locali poco dignitosa, ha aperto da memo di due mesi il Paiolo Magico. (altro…)

VINOLOGO

VINOLOGO1Se vi chiedete l’origine del nome, sappiate che vinologo non è un esperto di vini, anche se il titolare sicuramente lo è, ma è da leggere come vino-no-logo, ovvero vino venduto sfuso, senza etichetta. (altro…)

LA VETRERIA

LA_VETRERIA1Prima c’era il gelato (Cooperativa – Gelateria Naturale di San Salvario), poi è arrivato il pane (Panacea) e adesso un ristorante, o meglio un grande ristorante: La Vetreria.
All’angolo tra Corso Regina Margherita e Via Vanchiglia un ampio locale (che ospitava molti anni fa una vetreria di proprietà di una famiglia ebrea) e con varie vicissitudini di locali e gestioni (l’ultimo il Malibù) oggi è gestito dalla cooperativa Art. 4, che da qualche anno lavora a Torino nell’ambito dell’integrazione sociale e dell’inserimento lavorativo di categorie svantaggiate in particolare nei quartieri San Salvario, Barriera di Milano e Vanchiglia.

(altro…)

MAI THAI

MAI_THAI1Nell’ordine di preferenza per le cucine orientali, quella thailandese viene subito dopo quella del Sol Levante: molti piatti stir-fry, ovvero passati nel wok ad alte temperature e poco olio, zuppe profumatissime e speziate, il giusto equilibrio tra salato e dolce, come nel piatto emblema di quella cucina: il pad-thai, tagliatelle di riso con carni (pollo/maiale) e/o pesce (gamberi), verdure, tamarindo, salsa d’ostriche, di pesce e pasta di arachidi. (altro…)

DORAINPOI

DORAINPOI3Difficile definire la cucina del Dorainpoi: un tempo la si sarebbe definita fusion per la contaminazione di gusti provenienti da culture e cucine geograficamente distanti; il titolare, Alfredo Giardina, sostiene che l’espressione che più si avvicina a quello che fanno è “cucina italiana contemporanea”, dal momento che da qui si parte o si arriva facendosi ispirare da ingredienti, spezie, modalità di cotture, tradizioni provenienti da altri paesi senza necessariamente fondersi con quella italiana. (altro…)

MAGAZZINIOZ

MAGAZZINI_OZ1Mangiare (molto) bene per fare del bene.
Questo lo slogan che ha accompagnato i racconti via Instagram delle mie pause pranzo presso i MagazziniOZ: una realtà nuova, interessante nel super centro di Torino e  soprattutto bella perché qui non si fa fatica a consumare: seduti a tavola per la pausa pranzo o l’aperitivo, prendendo l’ottimo pane home-made alla boulangerie, acquistando uno dei tanti prodotti che designer, artigiani del materiale e del gusto hanno creato per CasaOz. (altro…)

PECCATI SICILIANI

PECCATI_SICILIANI1Amo la Sicilia di un amore incondizionato e spasmodico (tanto da interrogarmi spesso su sconosciuti e remoti legami di parentela ancestrali con quest’isola meravigliosa) ma ancora di più il suo cibo e se Monsu Barachin non va in Sicilia, per fortuna la Sicilia viene a Torino.
Spesso la pausa pranzo sabauda di Monsu Barachin ha assunto toni siciliani e, quindi, quando mi suggeriscono la neoapertura (in verità sono quasi sei mesi) di una gastronomia siciliana in zona San Paolo, allora mi ci fiondo. (altro…)