Archivio mensile: febbraio 2016

KRABON

KRABON1Crocetta, zona di mercato e di universitari: la pausa pranzo deve quindi essere espressa.
Da Krabon un piccolissimo locale su due piani su Corso Einaudi (tra corso Galileo Ferraris e Duca degli Abruzzi), si ordina al piano terra e quando è pronto, un cicalino ti avverte e tu scendi a ritirarlo. (altro…)

PISTACCHIO

PISTACCHIO1I Sicily addicted come Monsu Barachin conoscono bene questo angolo di Sicilia a Torino e dopo la spesa nel mercato di corso Racconigi, uno dei più ricchi e vari di Torino (nonché il più lungo d’Europa) si concedono una pausa pranzo al volo con un’arancina o seduti con un primo o un’insalata.
Pistacchio è essenzialmente una pasticceria nell’accezione più siciliana del termine, ovvero paste, pasticcini, cannoli, ma anche sfizi fritti che possono costituire un ottimo spezza fame di metà mattina o una vera propria pausa pranzo accompagnata da un cannolo o da un iris. (altro…)

TACO BANG

TACO_BANG1E’ un dato di fatto: il tex-mex piace, soprattutto ai giovani e agli hipster che amano i suoi ingredienti basici, le preparazioni semplici, i gusti intensi e il consumo informale, da non dover infatti utilizzare quasi per nulla posate o altre stoviglie.
Personalmente non impazzisco per questo tipo di cucina, originaria del Texas e del Sud degli Stati Uniti d’America e profondamente influenzata dalla tradizione culinaria messicana, ma da Taco Bang il cibo mi sembra più buono e genuino che altrove. (altro…)

DB

DB1Che meraviglia pranzare come in un cocktail bar su Columbus o Madison Avenue nell’Upper West Side di Manhattan/NYC.
Purtroppo (o per fortuna) siamo a Torino, in Via Madama Cristina nei locali che hanno ospitato per tanti anni un’istituzione gastronomica del quartiere Da Bacco da cui ha ereditato le iniziali del nome, ma opportunamente riconvertiti con soffitti lavorati, lampadari di cristallo, pareti rossi e un ampio bancone in legno laccato. (altro…)

BAGEL 1610

BAGEL1610I bagel, sono insieme a crèpes, tacos e hamburger, tra i cibi da street food di importazione più amati e popolari in Italia; Monsu Barachin, che ri-conosce quelli buoni e preparati ad arte, non si tira indietro e non appena apre qualcosa di nuovo a Torino in tema, corre a provarli. (altro…)

MIRETTI

MIRETTI_1Ogni tanto uno ha bisogno di certezze.
E allora va in una delle gelaterie storiche di Torino, Miretti (aperta dal 1981) a prendersi un cono (anche fuori stagione) ai gusti Torroncino e Fior di Panna (miglior gusto della tappa torinese del Gelato Festival 2013) e si riappacifica con il mondo.
Il Fior di Panna di Miretti è un po’ come il Gianduja di Fiorio: una conferma dell’eccellenza di gusti che fanno un po’ la storia di queste gelaterie di tradizione. (altro…)

TRATTORIA LAURO

LAUROChi l’ha detto che nelle trattorie piemontesi si mangia solo vitello tonnato, insalata russa e agnolotti?
Da Lauro, pur esistendo un validissimo menù di terra tra Piemonte/la moglie e Toscana/il marito e cuoco, il vero protagonista è il pesce, qui cucinato benissimo: in tanti lo sanno e infatti anche in pausa pranzo il locale è praticamente sempre pieno tra colazioni di lavoro e pranzi rilassati di famiglia. (altro…)

A TUTTO VAPORE

A_TUTTO_VAPORE_1Entrando nel neo aperto (maggio 2015) locale di via san secondo, l’impressione è quella di essere da Ottolenghi a Londra: per i pochi che ancora non lo conoscessero, si tratta di un locale di Londra (con varie sedi in città tra Notting Hill e Islington) dove Yotam Ottolenghi da oltre dieci anni propone, oltre ad ottimi dolci, insalate e preparazioni con un uso creativo di tante e coloratissime verdure. (altro…)